Imposta filtri

Documentario
Love for Sale con Rupert Everett
L’originale viaggio di Rupert Everett nel mondo della prostituzione continua in questo secondo episodio. Il 10% degli uomini britannici ammette di essere stato con una prostituta. Il dato costituisce uno spaccato della solitudine generata dalla società contemporanea ma anche del desiderio maschile. Rupert Everett indaga le motivazioni di questi uomini, incontrando persone che ammettono la propria dipendenza dal sesso: uomini sposati a cui piacciono i giochi di ruolo e un padre divorziato che offre prestazioni sessuali come transgender. Il documentario, anche grazie all’affabilità di Rupert Everett, getta una luce nuova e inedita sulle relazioni sessuali a pagamento in Inghilterra, rivelando allo spettatore molte realtà prima generalmente nascoste dal pudore british. Chris Dangerfield, uomo d’affari di Soho, non si vergogna ad ammettere di aver speso in due anni circa 150.000 sterline per i servigi offerti dalle prostitute asiatiche nei centri massaggi. Facendo due calcoli questo sedicente affarista dovrebbe aver avuto circa 5.000 rapporti a pagamento in un biennio. I siti internet per escort sono un esempio di successo dell’incontro di domanda e offerta. Sono di tre tipi i clienti di Jane, una 40enne madre separata che svolge il lavoro di escort da 8 anni: uomini sposati i cui matrimoni sono in crisi per l’anaffettività delle mogli, uomini d’affari che vogliono lasciare i problemi fuori dalla porta di casa e uomini che cercano un’avventura, alle loro condizioni. David, sposato, sostiene che le esperienze extraconiugali con le escort online hanno salvato il suo matrimonio. Parlare delle sue avventure con la moglie ha migliorato il loro rapporto, alla “modica” cifra di 130 sterline all’ora. Uno dei numerosi clienti di Mistress Dita, una dominatrice sadomaso, invece, trova molto eccitante obbedire ai suoi ordini e assolutamente rilassante spogliarsi di ogni responsabilità tipicamente maschile. Infine, la guest star della puntata, il comico e attore Russell Brand, racconta con grande franchezza e onestà le sue esperienze, a partire del suo primo, dolcissimo, rapporto con una prostituta, a 16 anni. Un documentario irriverente che indaga, senza pregiudizi, sul multiforme mondo dell’amore a pagamento.